Turismo  >  centro storico  >  storia
history  histoire 
Cosa ci racconta la storia?

Già nel secolo prima di Cristo queste terre furono colonizzate dai Celti.

Molti nomi come „ Kinzig „ , per esempio, ricordano i tempi celtici. In seguito il loro afflusso terminó con l'occupazione dei Romani.

La prima colonizzazione in tempi romani ebbe luogo nel periodo che va dal 73 al 260 dopo Cristo. A documentazione dell'occupazione dei Romani esistono, tra le altre cose, una colonna votiva, monete ed il ritrovamento, nel 1974, di un'antica fornace.
I Romani costruirono molte vie di comunicazione. La strada piú importante - quella che collega Strasburgo con Rottweil - passa da Gengenbach.

Gli Alemanni si insediarono e predominarono per circa 200 anni prima di sottomettersi, nel 486, al Re Clodovico.
Il cristianesimo si completó sotto l'impero del Duca francese Ruthard. Quest'ultimo diede il suo appoggio al vescovo missionario Pirmin che, dopo aver fondato il Convento di Reichenau, fondó a Gengenbach nel 725 il Convento dei Benedettini.
Il Convento era di proprietá del Re il quale donó alla città molti terreni circostanti.

Nel 1230 lo sviluppo conferì alla città i suoi diritti. L'Abate Lambert von Brunn pose fine alle illegali pretese della Signoria di Ortenberg.
Lambet von Brunn fù anche Vescovo di Bressanone, Speyer, Strasburgo e Bamberg. In qualità di Consigliere dell'Imperatore Carlo IV riuscì, nel 1366, ad assegnare al comando dell'Imperatore le città di Gengenbach e Zell.

Nel XVI secolo la riforma ed in seguito la controriforma furono causa di molti disordini. La guerra dei trent'anni lasciò il proprio segno sia sulla cittadina che sul Convento. L'anno che si ricorda come il più terribile fù il 1643 quando la città fù più volte saccheggiata dalle truppe di Bernhard von Weimar.

Erano da poco passati gli orrori della guerra quando nel 1689 per ordine di Luigi XIV, il Re Sole, le truppe francesi del Palatinato ridussero la città in cenere e macerie.

Con grande determinazione e nella speranza di un futuro di pace, la città ed il Convento cominciarono la ricostruzione. Questa fù l'ora della nascita della Gengenbach odierna.

L'imponente palazzo del Municipio, costruito nel 1784, è uno die risultati di questo prosperoso periodo.

Sfortunatamente il privilegio di „ Libera città imperiale „ ebbe termine con l'avvento della secolarizzazione nel 1803. Il Convento venne chiuso e la città diventò parte integrante del Ducato di Baden e le frazioni di Reichenbach, Schwaibach e Bermersbach vennero separate da Gengenbach.

Vi furono altre due date fondamentali per Gengenbach ed ovvero il 1860 quando fù conclusa la regolazione del Kinzig ed il 1866 quando fù costruita la ferrovia che attraversa la Foresta Nera.

La città ed i suoi cittadini furono sempre fedeli alla tradizione.
Nel 1905 fù emanata un'ordinanza locale per conservare l'immagine di Gengenbach e nel 1955 la parte della città all'interno delle sue mura fù dichiarata monumento nazionale.